Ricerca Avviata

La storia

La popolazione scolastica dell'IC Di Giacomo - 3° S. Chiara proviene prevalentemente dal Comune di  Qualiano, in percentuale ridotta dai Comuni limitrofi. La nostra Scuola rappresenta una delle poche  agenzie culturali presenti sul territorio e si configura come centro di aggregazione sociale per gli tudenti, grazie all'offerta formativa che risponde ampiamente alle esigenze della popolazione scolastica. La nostra Istituzione scolastica, oltre alle attività curricolari e alla sezione di strumento
musicale, offre diverse attività extracurricolari che sono molto apprezzate poiché rappresentano un'opportunità di socializzazione e di acculturamento per gli studenti. La progettualità formativa curriculare, inoltre, viene potenziata dall’uso di strumenti digitali a supporto di metodologie didattiche innovative. L'Istituto Comprensivo è tenuto in alta considerazione dalla maggior parte  delle famiglie poiché esso è percepito quale 'posto sicuro' da frequentare, nonché un'agenzia di  emancipazione per i propri figli. L'atteggiamento della maggior parte degli allievi, infatti, verso la scuola è complessivamente positivo. Una buona parte della scolaresca vive la Scuola come opportunità formativa e come ambiente favorevole alla comunicazione e alla collaborazione; tale  clima risulta produttivo anche per l'inserimento di chi ancora manifesta disagio nella relazione con gli altri. L'IC è frequentato da un certo numero di alunni che manifestano uno svantaggio scolastico e relazionale derivante, nella maggioranza dei casi, da situazioni ambientali e familiari deprivate culturalmente ed economicamente. Alcuni soggetti provengono da famiglie allargate o, in alcuni casi,monogenitoriali, senza reddito. Bassa è la percentuale di alunni extracomunitari. Gli atteggiamenti di trasgressione verso le regole della vita sociale, poco frequenti e ascrivibili alla normalità dell'età degli allievi, non raggiungono mai livelli preoccupanti di devianza e possono essere, nel complesso,controllati e contenuti. La composizione eterogenea, per livelli e per genere, delle classi si pone come elemento di base per favorire l'integrazione e l’inclusione. Per la scuola dell'Infanzia e primaria si evidenziano casi di resistenza interna per quel che riguarda la partecipazione dei genitori ai processi di miglioramento causati, nella maggioranza dei casi, da carenza di stimoli culturali e dalla scarsa disponibilità a collaborare con l'Istituzione scolastica.